“Tre colori – Film bianco” di Krzysztof Kieślowski – Recensione

Tre colori - Film bianco

Tre colori – Film bianco (1994) è il secondo film della trilogia dei colori di Krzysztof Kieślowski, inizialmente pensato come una commedia e dedicato al tema dell’uguaglianza. In fase di montaggio, il regista polacco ha tuttavia tagliato tutte le sequenze più leggere e ricche degli stilemi tipici del genere per modificare il tono della pellicola. …

“Il testamento di Orfeo” di Jean Cocteau – Recensione

Il testamento di Orfeo

Il testamento di Orfeo (1960) è l’opera che chiude la trilogia orfica di Jean Cocteau, nonché l’ultimo film realizzato dal poeta, autore e artista francese prima della scomparsa avvenuta tre anni più tardi. La pellicola, che prosegue il discorso sulla poesia e sulla produzione artistica già avviato nei due lavori precedenti della trilogia (Il sangue …

“Kairo – Pulse” di Kiyoshi Kurosawa – Recensione

Kairo

Kairo (conosciuto anche con il titolo Pulse) è un film del 2001 diretto da Kiyoshi Kurosawa che, insieme a opere come Ringu (1998, Hideo Nakata), Ju-On (2002, Takashi Shimizu) e Dark Water (2002, Hideo Nakata), si dimostra essere un ottimo tentativo di integrare al genere horror una forte critica sociale. Il regista giapponese, infatti, arricchisce il …

“Rosencrantz e Guildenstern sono morti” di Tom Stoppard – Recensione

Rosencrantz e Guildenstern sono morti

Rosencrantz e Guildenstern sono morti è un’opera che nasce originariamente in qualità di tragicommedia per il teatro scritta da Tom Stoppard negli anni ’60, contribuendo ad arricchire il vasto panorama di lavori direttamente ispirati a William Shakespeare. Nel 1990, lo stesso Stoppard ne realizza la versione cinematografica, curandone la sceneggiatura e dedicandosi per la prima …

“High Life” di Claire Denis – Recensione

High Life

High Life, realizzato da Claire Denis nel 2018 e presentato in Italia nella cornice del Torino Film Festival, è un vero e proprio tentativo di decostruire il genere fantascientifico a partire da alcune delle sue tematiche fondanti. L’intento perseguito dalla regista francese con il suo film è chiaro sin dall’idea narrativa stessa dell’opera: l’esplorazione spaziale, …

“Polytechnique” di Denis Villeneuve – Recensione

Polytechnique

6 dicembre 1989. Un ragazzo di nome Marc Lépine si reca presso l’École Polytechnique, il Politecnico di Montréal, e spara a 28 persone, uccidendone 14. Le vittime sono tutte donne. Prima di fare fuoco, Lépine afferma di essere lì per un motivo specifico: combattere il femminismo. Nel 2009, a vent’anni dal massacro, Denis Villeneuve realizza …

“Nausicaä della Valle del vento” di Hayao Miyazaki – Recensione

Nausicaä della Valle del vento

Hayao Miyazaki nel corso della sua lunga carriera ha consegnato alla storia del cinema numerosi capolavori, come Il mio vicino Totoro (1988) e Il castello errante di Howl (2004), insieme ai più acclamati Princess Mononoke (1997) e La città incantata (2001). Allo stesso tempo, un’opera significativa che spesso viene tralasciata nell’elenco dei grandi lavori realizzati …

“Hellraiser” di Clive Barker – Recensione

Hellraiser

Nel 1986 Clive Barker pubblica il romanzo breve Schiavi dell’inferno, una delle opere più interessanti della sua carriera. La capacità dello scrittore inglese di proporre ai suoi lettori una convincente commistione tra la sfera sessuale e l’orripilante, il macabro, il sovrannaturale si presenta nelle pagine del suo racconto attraverso un forte ricorso al show, don’t …

“Stalker” di Andrej Tarkovskij – Recensione

Stalker

Ispirato dal romanzo di fantascienza Picnic sul ciglio della strada (1971) di Arkadij e Boris Strugackij, Stalker (1979) è, in continuità con le opere precedenti realizzate da Andrej Tarkovskij, un suggestivo viaggio teso verso la ricerca del senso della vita: una storia profonda, che come accadeva in Solaris (1972), si posiziona all’interno di un genere …